Halloween: circo da brividi (ma con stile)

Eccoci finalmente ad Halloween,  progetto (quasi) completato.

La festa a cui sono stata invitata aveva il tema “Horror Circus” e dopo un po’ di ricerca online ho deciso di realizzare un completo da domatore di leoni da uomo e un completo da donna che non saprei definire, un po’ bohemien che ricordasse gli elementi del circo.

Per il domatore di leoni ho creato una giacca con collo alla coreana e coda tipo frak. Come base ho usato il modello n° 138 di Burda Gennaio 2013 ed ho utilizzato una stoffa da tappezzeria rosso cupo con motivo floreale, usandola da rovescio cosicché prevalesse la parte più scura del disegno.
Per la coda ho cercato online e indicativamente è fatta come sotto (la lunghezza rappresenta la metà del centro dietro, da cucire lasciando uno spacco in fondo per agevolare i movimenti):

cartamodello frak

 

Ho anche foderata la giacca, sia per agevolare la vestibilità sia per creare una tasca interna. L’ho arricchita poi con della passamaneria dorata.

Per i pantaloni ho usato il modello n° 321 di La Mia Boutique Marzo 2011, stringendo un po’ la gamba (per velocizzare niente tasche nè passanti, abbiamo messo poi delle bretelle che comunque contribuivano all’effetto scenico del modello). Il tessuto utilizzato è un cotone da tovaglie a righe larghe panna e nero.

Il look è stato completato con un cappello a cilindro, camicia bianca, scarpe lucide e frusta … ed ecco il risultato.

halloween-dark-circus-man

Per il completo da donna sono partita da una gonna a mezza ruota, semplice e veloce, realizzata con cotone da tovaglie a righe panna e rosso cupo; ho creato poi un’arricciatura tirando una semplice filza e ho applicato a mano un cordone da tenda, che ricordasse un tendone da circo aperto.

Per dare volume alla gonna ho realizzato una sottogonna in tulle. All’inizio avevo sbagliato, arricciando il tulle e fissandolo ad un elastico alto; in questo modo però si creava tantissimo volume sul punto vita e mettendo la gonna sopra faceva davvero un brutto effetto.
Ho capito che in questo modo il tulle è carino se rimane a vista, ma se deve stare sotto è necessario che il volume inizi un po’ più in basso, quindi tra l’elastico (che si ferma sul punto vita) e il tulle ho creato una baschina di circa 15cm … e per far prima ho utilizzato un vecchio paio di boxer da uomo, tagliandoli sotto 😛

Ecco la foto (non troppo bella, lo so) di come fare il sottogonna per evitare l’effetto “ciambella”

sottogonna-tulle

Il pezzo successivo è un corsetto sottoseno e per farlo ho utilizzato come base il modello n°125 di Burda Settembre 2010; invece di creare l’apertura sul fianco con cerniera ho realizzato la classica apertura stringata sul dietro. Tutto il capo è in tessuto doppio (lo stesso dei pantaloni) e l’ho rinforzato con le stecche a metragggio, semplicemente cucendole con punto zig zag lungo le cuciture anteriori e posteriori.

Infine ho realizzato un colletto in tulle bianco e nero: è sufficiente prendere due rettangoli di tulle alti circa 15 cm (nel mio caso uno bianco e uno nero, di altezza leggermente differente) e cucirli arricciati su un nastro nero, che poi verrà legato dietro il collo.

Nel progetto originale era prevista una camicia bianca morbida, ma il tempo era finito ed ho ripiegato su una semplicissima t-shirt bianca.

Et voilà:

halloween-dark-circus-woman

Anche se il tempo era poco è stato molto divertente creare questi costumi: anche se non si è capaci di creare cartamodelli da zero (come me) è sempre possibile utilizzare qualcosa che si trova sulle riviste e modificarlo a piacimento, anzi direi che è molto più stimolante che trovare un cartamodello già pronto perché è il tocco personale che aumenta la soddisfazione!

Irene

Annunci

Non aprite quel … tulle!

Parte del mio costume di Halloween prevede un sottogonna in tulle parzialmente a vista, quindi mi sono cimentata nella realizzazione del mio primo tutù.
Anche se sarebbe più corretto definirla una gonna in tulle, perché ho scoperto che il tutù si realizza annodando tanti piccoli rettangoli di tulle su un nastro, ma questa è un’altra storia.

Io sto realizzando una gonna arricciata con elastico in vita ed ovviamente più strati di tulle ci sono più diventa vaporosa (e coprente).

Nel mio caso per un giro vita di 72cm circa ho preso due scampoli di tulle di 2,5 mt (altezza 1,40 mt).

Per quanto riguarda l’altezza io l’ho fatto di circa 50 cm: ho piegato il primo scampolo di tulle (che era già addoppiato, quindi alto 70 cm) a circa 15 cm; nella “piega” ho poi inserito il secondo strato di tulle (ho usato due colori, bianco e nero) anch’esso piegato un po’ meno della metà, diciamo circa 30 cm. Ho così ottenuto 12 strati suddivisi in quattro balze più o meno simili (è pur sempre un costume!!).

strati-tulle

Ho usato la lunghezza del tessuto per il giro vita, arricciandola con il metodo della doppia filza: si creano due file di filza parallele a circa 1 cm di distanza, si fissano due estremi e si tirano gli altri fino a raggiungere la lunghezza desiderata, dopodiché si fissano anche questi.

tulle-doppia-filza

Il passaggio successivo sarà quello di cucire il tulle ad un pezzo di elastico nero alto, lungo pari al giro vita o leggermente inferiore. Infine cucirò lungo il fianco, elastico compreso.

Non si tratta di un lavoro complesso, ma ammetto che non è nemmeno banale, soprattutto in base al livello di precisione finale desiderato.
Un unico consiglio: il tulle (per lo meno dove mi servo io) viene venduto già addoppiato … se non avete necessità di lavorarlo in un solo strato resistete alla tentazione di aprirlo, perché poi ripiegarlo sarà un inferno!

Irene


Dritto filo for dummies

tessuto a righe


Lavori in corso: preparando Halloween

Non che sia una festa che amo … anzi non la “sento” proprio, ma se ti invitano ad una festa che promette di essere spettacolare vuoi andarci in borghese?

Quale migliore occasione per realizzare due completi (uomo e donna) – 8 pezzi in tutto – in tre settimane??

tessuto-tappezzeria-halloween

Il primo è praticamente andato, mancano solo le decorazioni da applicare a mano … sotto con il prossimo!

Irene


Sommario La Mia Boutique Aprile e Maggio 2014

LaMiaBoutiqueAprile2014 LaMiaBoutiqueMaggio2014


Manuali di cucito Burda

Tra i manuali di cucito in mio possesso che ho utilizzato di più devo sicuramente menzionare i Manuali di Cucito Burda.

Il primo è un edizione “vintage” che ho comprato su Ebay e si tratta di un unico volume del 1976 che contiene indicazioni generali, da come utilizzare i cartamodelli alle tecniche di cucito più utili (cerniere, orli, scolli, ecc.) fino ad alcuni suggerimenti per tessuti particolari.
Il manuale era usato e le pagine ingiallite si stanno staccando, ma per me è come un feticcio, lo adoro e sono molto soddisfatta di essere riuscita a trovarlo.

manuale-burda

Più moderni e facilmente reperibili sono i nuovi Corsi di Burda in quattro volumi, che credo siano usciti a suo tempo in edicola ma che si possono ordinare dalla casa editrice in blocco … io li ho presi nel 2011 e costavano 8,90 euro più 9,00 euro di spedizioni (Pieroni Distribuzione Srl –  pieroni@pieronitalia.it). I contenuti sono simili a quelli del vecchio manuale.

corsi-burda

Quando ci si addentra nelle spiegazioni delle varie tecniche di cucito il linguaggio è sempre piuttosto “burdese” e non immediatamente comprensibile dai principianti ma i disegni a colori aiutano molto … la cosa migliore è leggere una frase alla volta e simulare i vari passaggi, fino a che non abbiamo capito come procedere.

Irene

 


Piedino antiaderente

Tra i piedini per la macchina da cucire che non si trovano generalmente in dotazione voglio segnalarvi il piedino antiaderente in teflon.

piedino-antiaderentepiedino-antiaderente-sotto

E’ un semplice piedino per effettuare le cuciture standard (dritto, zigzag) ma la parte sotto è rivestita in materiale antiaderente, che lo rende adatto per i tessuti più difficili, come cuoio, pelle, vinile, ecc.
Non l’ho ancora provato su questi materiali, ma l’ho acquistato perché su qualche blog di cucito era consigliato per chi aveva problemi con tessuti elasticizzati o leggeri; in pratica aiuta la macchina a cucire meglio perché la stoffa scorre in modo più agevole ed è “tirata” uniformemente sia sopra che sotto.

Io l’ho acquistato online e il prezzo si aggira intorno ai 15 euro.