Archivi del mese: dicembre 2011

Indispensabile tubino nero

Con un bello scampolo in lana ho realizzato un indispensabile tubino nero per l’inverno, che inaugurerò proprio per questo capodanno (ma che mi riprometto di usare anche di giorno con scarpe basse e golfino semplice).

Il modello l’ho preso su La Mia Boutique di Ottobre 2011 e mi è piaciuto perchè molto lineare e lungo al ginocchio. Marzia mi ha aiutato a modificare il dietro, che mi stava troppo largo in orizzontale: è stato sufficiente allungare e stringere le pinces e la cucitura centrale.

La fodera è fissata al tessuto tutto intorno allo scollo e ai giromanica; per fissare questi ultimi a macchina, in modo che rimanessero tutte le cuciture all’interno, prima li ho appuntati insieme già ripiegati dal dritto, poi ho rivoltato e li ho cuciti dall’interno metà alla volta facendo “uscire” i bordi dalla spalla (detto così mi accorgo che sia incompresibile, io stessa lì per lì non avevo capito come c’ero riuscita).
Infine ho dato qualche punto a mano per fissare fodera e tessuto sullo spacco dietro, in modo che non si vedesse con il movimento.

        

Ho apportato una piccola modifica allo scollo perché in inverno non riesco a portare abiti così scollati: ho inserito un triangolo della stessa stoffa doppiata con del pizzo nero elasticizzato.

(due piccole precisazioni … la prima, purtroppo le foto in nero non si vedono granchè … la seconda, la modella non è la futura proprietaria del vestito, non è fatto sulle sue misure e non rende al massimo)

Irene

Annunci

La margheritona in pile.

Questo progetto non è stato creato recentemente, ma la pagina in WordPress delle Sartorie Riunite non era ancora nata, così ho pensato che fosse carino condividere qui anche qualche progetto passato, per lo meno i più che mi piacciono,

Invece di regalare i soliti fiori che durano pochi giorni ho pensato di creare una valida alternativa ai fiori di plastica: la margheritona in pile.
I petali sono cinque e in pile imbottito, all’interno ad imitazione della c
orolla ho pensato di mettere dei bottoni a perla gialli, e tra questi un campanellino allontana negatività che ne riprende il colore.

Mentre creavo questa margherita ho pensato che non sarebbe male creare un intero mazzo di fiori imbottiti, simpatici e che danno colore alla casa, e che quando sono sporchi possono essere messi tranquillamente in lavatrice.

Oltre che per Natale potrebbe essere un’idea carina per S. Valentino, per un compleanno, una festa di laurea, un anniversario… Questa addirittura è stata regalata ad una persona che era ricoverata in ospedale.

Marzia.


Idee per un caldo Natale

Il cucito è un mondo affascinate e tra i suoi mille vantaggi c’è quello di venire in aiuto quando si devono fare piccoli (e grandi) regali.
Un oggetto  fatto a mano dalla persona che lo dona ha sempre un’ingrediente speciale, inestimabile: il tempo di chi lo ha realizzato. Più o meno ben riusciti, quindi, i regali handmade non sono mai banali.

Un oggetto semplice da realizzare, anche per chi non è proprio esperto nell’arte di ago e filo, e adatto a quasi a tutti (escluderei destinatari maschi) è un’utilissima borsa dell’acqua calda (personalmente raccomandata contro i piedi freddi a letto).
Ovviamente si tratta di realizzare l’involucro esterno; la borsa è possibile trovarla a costi contenuti nei negozi di casalinghi.

Quella che ho realizzato io è in pile, ma sono consigliati tutti i tessuti pesanti non troppo rigidi.
Si parte tagliando due rettangoli circa 4 cm più grandi in lunghezza e larghezza rispetto alla borsa e stondando leggermente con le forbici uno dei lati corti.
Poi si accostano i due pezzi con il lato dritto all’interno, fermandoli con degli spilli, e si passa il bordo a macchina con punto zig zag o overlock. Quindi si effettua la cucitura dritta a 1cm circa dal margine.

A circa 10cm dal bordo superiore si realizzano due asole in senso verticale per ciascun lato, attraverso cui far passare il nastro di chiusura.
Infine, per rifinire l’apertura è possibile eseguire il punto zig zag molto stretto, così da formare un cordoncino decorativo (meglio usando due colori diversi, ma abbinati, nella bobina e nel rocchetto).

Un ulteriore elemento decorativo può essere applicato sul davanti della borsa; in questo caso ho realizzato due fiori nel medesimo tessuto, li ho sovrapposti sfalsati e ho fatto qualche punto centrale e sui bordi per fissarli (se il tessuto non tende a sfilacciarsi non importa cucirne tutto il contorno).

Via libera alla fantasia per applicare qualsiasi cosa: piccoli pupazzetti, fiori all’uncinetto, perline, ecc.

Irene