Archivi del mese: giugno 2012

Foderare cuscini

Il lavoro di oggi riguarda la realizzazione di fodere per i cuscini di un divanetto e poltrone da esterni che mia cognata ha messo nel suo agriturismo, il cui colore originario – arancione – stonava un po’ con l’ambiente circostante, che è davvero bellissimo (guardate con i vostri occhi: http://www.poderepietraposa.com)

Premetto che non ho l’esperienza necessaria per fare un tutorial, si tratta semplicemente di farvi vedere come li ho realizzati … se qualcuno avesse dei suggerimenti per far meglio sono ben accetti!

Non essendo in vena di maneggiare cerniere ho deciso di chiudere la fodera con una striscia di stoffa applicata, che formasse una specie di “cappuccio” all’estremità.
La stoffa che ho usato è quella per tovaglie cerate antimacchia, perchè resistente, si pulisce facilmente ma più leggera e con fantasie più “campestri” rispetto ai tessuti per tende da esterno.
Ho preso un pezzo lungo 2,30 mt per 1,80 mt di altezza e l’ho praticamente diviso a metà; dal primo pezzo in doppio ho ricavato i due lati del cuscino grande rettangolare, il ripiego del cuscino grande (uno solo) e i due ripieghi dei cuscini piccoli; dal secondo pezzo, sempre in doppio, ho ricavato i due lati dei cuscini piccoli a forma di trapezio.
Rispetto alle misure dei cuscini originari ho aggiunto 1 cm di “vestibilità” e 2 cm per lato come margine di cucitura.

Il procedimento poi è identico per tutti e tre i cuscini.
Per cucire ho usato del filo color panna in poliestere e ago per macchina da cucire 90/14.

Si parte dal ripiego e si rifinisce a zig zag il lato inferiore. Quindi si piega e si cuce l’orlo perchè questa parte rimarrà a vista sul retro del cuscino.
(Siccome la stoffa è decisamente rigida non ho imbastito le cuciture, ma solo appuntato gli spilli e cucito direttamente a macchina)

Poi si appoggia il ripiego sul lato più corto del pezzo a forma di trapezio, dritto contro dritto, e si esegue una cucitura dritta a circa 1,5 cm dal margine; quindi si passano a zigzag i due margini già accoppiati.

Si sovrappone l’altro lato del cuscino e si cuciono i tre lati (escluso quello dove abbiamo applicato il ripiego, che sarà l’apertura). Sugli angoli inferiori la cucitura sarà leggermente stondata.
Si esegue lo zigzag a circa 1 cm dalla cucitura appena fatta e con le forbici si taglia la stoffa in eccesso, facendo attenzione a non incidere il filo.

A questo punto si può rivoltare la fodera e inserire il cuscino, rivoltando ulteriormente il ripiegoverso l’esterno.
Per far si che la chiusura stia perferettamente chiusa, anche quando c’è la pressione esercitata dal peso di una persona seduta, ho applicato un automatico al centro del ripiego, cucendolo all’orlo cosicchè non si vedessero i fili della cucitura.

Ed ecco il confronto tra il prima e il dopo!

Irene


Sommario La Mia Boutique Giugno 2012